“The cost of living”: Per la nuova serata di cinema corto del 14 luglio ore 21.00 a FI Giardino dell’Ortocoltura.

The_Cost_of_Living_(DVD_cover) Nel corso della prima parte della prossima serata dedicata al cinema corto il 14 luglio alle ore 21.00 presso il Giardino della Ortocoltura a Firenze, avremo occasione di vedere il “mediometraggio” The cost of living”, inedito in Italia, e quindi un’occasione da non perdere.

(chiara novelli) Per parlare di questo medio metraggio prodotto da Channel 4 UK, dobbiamo entrare nel merito del suo creatore, non solo regista, ma coreografo e anima del lavoro, Lloyd Newson, che fonda nel 1986 a Londra il corpo di ballo del DV8, dopo aver lavorato, tra il 1981 e il 1985, con coreografi quali Karole Armitage, Michael Clark, David Gordon, Daniel Larrieu e Dan Wagoner e insegnato in Gran Bretagna, Australia e Sudamerica. Una volta rientrato in Inghilterra da vita a un nuovo genere di danza: il “teatro fisico” con l’intento di far compiere ai danzatori un lavoro teso a creare una relazione indissolubile fra movimento eTjhe costsignificato, facendo ricercare a loro stessi nuovi modi di muoversi personali ed unici nella ricerca di apportare al gruppo un “vocabolario del movimento” specifico e corale: “Cerchiamo un movimento che esprima il significato o l’idea che noi presentiamo istante per istante e se il movimento non riesce in questo compito, noi impieghiamo parole e canzoni per sostenerlo”. Newson abbandona la danza tradizionale poiché la considera mancante, al di là dell’elemento tecnico, di vera problematicità e, in questo, matura anche il suo rifiuto dell’astrazione per approfondire il significato del movimento nell’adesione alle più attuali problematiche sociali rovesciando i formalismi estetici e filosofici sui quali è fondata gran parte della danza moderna e contemporanea. Il DV8 Physical Theatre lavora quindi sull’abbattimento delle barriere fra la danza, il teatro e l’individuo. In ognuno dei suoi lavori, il DV8 ha coinvolto scenografi e compositori in grado di contribuire ad una complessa integrazione estetica fra corpo, architettura e musica, conferendo un impatto agli spettacoli ideati da Newson che ha suscitato adesioni e scandali, ma con cui ha approfondito con forza la sua analisi sull’uomo e sulla società. Con “The cost of living” ci s’interroga sul “costo del dover vivere”, sull’ipocrisia e sul pregiudizio che consuma la vita personale di ogni uomo. Il lavoro di Lloyd Newson e del DV8 Physical Theatre non vuole soltanto criticare la società, ma si The costpropone di cambiarla, usando il corpo come strumento per raccontare storie quotidiane, comuni e non, di persone costrette ad affrontare la propria emarginazione dal mondo permettendoci di guardare dentro figure autentiche e fragili, emarginate per le loro differenze. Entriamo così nella diversità che Newson ci trasmette come ricchezza attraverso i movimenti dei suoi performers differenti per età, dimensioni ed abilità fisica: incontreremo due donne alle quali viene chiesto di lasciare il Royal Ballet di Londra, una perché sta diventando troppo alta e l’altra perché ha problemi di peso, un uomo di 150 chili, una settantaquattrenne che si muoverà meravigliosamente e perfino un uomo che non ha più le gambe. Come sempre nei suoi lavori, Newson lascia che emergano le verità quotidiane nel modo più crudo, con le loro normali e giornaliere costrizioni: ciò che siamo e quello che ci impongono di essere, pena l’esilio dal mondo. Elogio dell’imperfezione, quindi, reale ed unico squarcio fra le omologazioni del mondo quotidiano, quelle che l’abitudine ha reso, ormai, impercettibili e il tutto attraverso la verità fisica nel movimento, necessaria e sempre provocatoria, capace di cercare nell’umanità sia chi non è più in grado di nascondere le proprie debolezze, sia  coloro che si ribellano al conformismo del qualunquismo e della consuetudine.  

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...