16 apr 2015 CINEMA: 68esimo FESTIVAL DE CANNES (day -28)

Palme-dor

(riverflash) Luigi Noera, da Cannes (AG.RF 16.04.2015) ore 11:05  – A poche ore dalla Conferenza stampa che svelerà le opere in concorso a Cannes 2015, sono stati annunciati (v. elenco in calce) i nove titoli scelti dalla commissione selezionatrice per la Sezione  Cortometraggi in competizione tra 4.500 presentati da oltre 100 paesi e i 18 corti della sezione a latere Cinéfondation , questi ultimi scelti tra i 1.600 lavori presentati da scuole di Cinema di tutto il mondo. Nella Selezione Cortometraggi sono rappresentati per lo più l’Asia e l’Europa ed un rappresentante dell’America Latina e uno dell’Oceania. Si tratta di sette film di fiction e due di animazione.  Purtroppo l’Italia non è in concorso! La premiazione del Corto vincitore verrà assegnato dal Presidente della Giuria, che come sappiamo è Abderrahmane Sissako (Timbuktu), nel corso della premiazione ufficiale del Festival il 24 maggio. Nella Selezione Cinéfondation invece circa un terzo delle pellicole provengono da scuole di Cinema che partecipano per la prima volta, tra le quali la scuola di Cinema Spagnolo. L’Europa ancora una volta si dimostra prima con 11 dei 18 film selezionati. Anche in questo casa l’Italia però non ha ottenuto alcuna rappresentanza. La premiazione avverrà sempre nelle mani di Abderrahmane Sissako in Sala Buñuel il 22 maggio prima della proiezione dei tre lavori premiati. Inoltre è confermato che il film di apertura del Festival del 13 maggio per la prima volta nella storia di Cannes sarà quello diretto da una donna, La Tête haute di Emmanuelle Bercot. E’ la storia di un giovane deliquente, Malony, attraverso la sua infanzia e la sua età matura durante le quali un Giudice del Tribunale dei minori e un assistente sociale cercano di salvare il protagonista interpretato da Rod Peridot, con la partecipazione di Catherine Deneuve. “La scelta di questo film può sembrare sorprendente, date le norme generalmente applicate al Festival de Cannes per la Cerimonia di apertura”, ha dichiarato Thierry Frémaux, delegato generale della manifestazione. “E ‘un chiaro riflesso del nostro desiderio di vedere che il Festival inizi con una storia diversa, che sia audace e commovente nello stesso tempo. Il Film di  Emmanuelle Bercot stabilisce dei punti fermi sulla società contemporanea, in linea con il cinema moderno. Si concentra su questioni sociali universali, adattandosi in modo perfetto alla platea mondiale di Cannes.  Altra novità di questa edizione di Cannes è, non solo l’omaggio per i 100 anni della nascita di Ingrind Bergman con il poster ufficiale che la ritrae in un sorriso ottimista, ma anche la presenza della figlia, l’attrice e regista italo-americana Isabella Rossellini che qualche giorno fa ha accettato di presiedere la Giuria di Un Certain Regard, sezione a latere al Concorso ufficiale che si compone di venti lungometraggi che saranno annunciati insieme ai film in concorso alla Conferenza Stampa. Al Festival di Cannes, Isabella Rossellini prenderà parte al tributo a sua madre presenziando alla proiezione del documentario In Her Own Words di Stig Björkman, nell’ambito della sezione Cannes Classics. Nel corso della serata la stessa Isabella lancerà lo spettacolo in omaggio alla madre “Ingrid Bergman Tribute” scritto e diretto da Guido Torlonia e Ludovica Damiani. Il lavoro si basa sulla autobiografia dell’attrice e della corrispondenza epistolare con Roberto Rossellini e verrà presentato in alcuni dei maggiori teatri del mondo. Il premio Un Certain Regard verrà assegnato sabato 23 maggio alla vigilia della cerimonia di chiusura. Inoltre L’attore Lambert Wilson, su invito del Festival, ha accettato di essere nuovamente il Maestro delle Cerimonie per questo 68 ° Festival de Cannes. Il 13 maggio, durante la cerimonia di apertura, accoglierà i fratelli Coen, Presidenti della Giuria 2015, sul palco del Palais des Festivals. Egli presiederà anche le cerimonia di premiazione e di chiusura del Festival Domenica, 24 maggio. Anche questa scelta del doppio presidente di Giuria rompe con il passato del Festival. “Non vediamo l’ora di tornare a Cannes quest’anno”, Joel e Ethan Coen, hanno dichiarato dal set del film Ave Cesare! Con George Clooney, Christophe Lambert, Scarlett Johansson, Tilda Swinton, Josh Brolin e Channing Tatum. “Siamo ben contenti della occasione offertaci di guardare  film da ogni parte del mondo. Cannes è un festival che è stato importante per noi fin dall’inizio della nostra carriera. Presiedere la giuria è un onore speciale, dal momento che non siamo mai stati finora presidenti di nulla.” Questa scelta è stata così commentata dal comitato organizzatore: il 2015 è la celebrazione dei 120 anni dalla invenzione del cinematografo Lumière, e il Festival de Cannes sarà lieto di riconoscere, attraverso i Coen, il lavoro di tutti i “fratelli del cinema” che, dal momento che Louis e Auguste Lumière, hanno arricchito la sua storia . Il Festival ha avuto anche l’opportunità di accogliere “fratelli” in un modo fantastico: come Joel e Ethan Coen che hanno vinto la Palma d’oro nel 1991, Paolo e Vittorio Taviani nel 1976, così come Jean-Pierre e Luc Dardenne nel 1998 e nel 2005.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...