XXIII Prague International Film Festival

Kristian Award a Bellocchio per il suo contributo al cinema mondiale.

Marco Bellocchio_TZ (foto per gentile concessione di Prague IFF – FebioFest) (luigi noera)(river flash) – Tutto pronto per il via della 23esima edizione del FEBIOFEST che si svolgerà a Praga dal 17 alFebiofest_vizual_regiony 25 marzo nel complesso delle multisale di Anděl. Per la prima volta nella sua storia dopo 23 anni, la cerimonia di apertura del Festival si svolgerà nella prestigiosa Municipal House di Praga. Il film d’apertura è il candidato agli Oscar Carol, con Cate Blanchett e Rooney Mara, che sarà proiettato alla presenza di un migliaio di ospiti. In contemporanea nella sede storica del Festival nel complesso CineStar di Anděl inizierà la kermesse per il pubblico con le proiezioni in tutte le 12 sale. Alla cerimonia di apertura, presentata dall’attrice slovacca, Emília Vášáryová, verrà consegnato al regista italiano, sceneggiatore e attore, Marco Bellocchio il Kristian Awards per il contributo al cinema mondiale.

Da sempre il cinema italiano è omaggiato dal FebioFest. Quest’anno a Praga replica il terzetto di italiani visti a Venezia: Bellocchio, Guadagnino e l’esordiente Piero Messina. A loro si è aggiunto l’altro esordiente italiano del terzetto dei Lux Prize: Jonas Carpignano. Stiamo parlando della sua opera prima Mediterranea che tanto consenso ha ricevuto l’anno scorso a Cannes. A Marco Bellocchio è riservato un omaggio speciale, e verranno proiettati oltre all’ultimo Sangue del Mio Sangue, anche una sua retrospettiva da AttesaPugni in Tasca a Buongiorno Notte. Luca Guadagnino presenterà l’ultimo suo film A Bigger Splash, mentre Piero Messina la sua opera Prima L’Attesa. Insomma un programma di tutto rispetto e di attenzione all’Italia.

Ma ci sono anche delle interessanti novità. Infatti Febiofest per la prima volta assegnerà il Premio Internazionale Amnesty Febiofest. Questo premio servirà a puntare i riflettori sui regimi dittatoriali che mettono a tacere artisti e giornalisti. La giuria sarà composta dall’attrice Marta Issová, dal direttore di Amnesty International della Repubblica Ceca, Mark Martin e dal drammaturgo Gertjan Zuilhof del Rotterdam IFF. In particolare verrà posto l’accento e proseguita l’attività di condanna dello scorso anno sulla sorte del  regista ucraino Oleg Sentsov tuttora incarcerato. Un’altra novità è la lodevole iniziativa del Febiofest con l’introduzione della nuova sezione Refugees. Štefan Uhrík, curatore ci dice: I film di questa selezione non giudicano, né offrono soluzioni facili o prendono le parti di qualcuno piuttosto che di altri. Ritraggono invece il mondo in cui viviamo. Dietro ogni Bigger Splashstoria ci sono persone reali che hanno poco somiglianza con la notizia reale, e questo è ciò a cui dovrebbe tendere una vera e propria testimonianza artistica. La genesi di ogni film è un processo lungo. È per questo che le storie presentate nella sezione sono state girate e realizzate prima della odierna crisi di rifugiati in Europa e sono preziosi per le attuali discussioni al riguardo tra gli Stati membri.

CBTra i film è stato selezionato Cowboys, esordio alla regia dello sceneggiatore francese Thomas Bidegain. Il film racconta la storia di un padre, la cui vita viene stravolta quando sua figlia fugge con un fondamentalista islamico, ed è stato tra i più bei film francesi presenti al Festival di Cannes 2015. Anche Made in France  è un film tra i più chiaccherati e controverso di grande attualità che racconta di un giornalista infiltratosi in un gruppo di giovani terroristi. E’ stata una reazione all’attacco terroristico contro la Sede del giornalino di Charlie Hebdo. Ma anche il debutto cinematografico sperimentale del regista belga Laurent Van Lancker con Fallow, documentario girato nel campo profughi di Calais prima che la località assurgesse a notizia riportata da tutti i media. Ci sono quattro film belgi nella selezione, compreso The White Knights diretto dal famoso Joachim Lafosse. Ricostruzione di un evento reale accaduto nel 2007 ad un gruppo umanitario che viene coinvolto in un traffico di orfani africani. Infine verrà presentato Simshar, candidato maltese agli Oscar come miglior film straniero, realizzato dal giovane regista Rebecca Cremona, ispirato alla tragedia di un gruppo di giovanissimi rifugiati adolescenti neltentativo di raggiungere le coste italiane.

Nikdy nejsme sami Lenka Vlasakova hiresOltre alla presenza di Marco Bellocchio ospite d’onore del FebioFest ci sono anche nomi nuovi. Uno di questi è MURAT Eroğlu. Nato a Tunceli in Turchia, durante i suoi studi, ha lavorato come giornalista e ha girato cortometraggi e documentari. Il suo debutto Before Sunrise, un dramma sociale di un padre e un figlio che si perdono in un mercato di notte a causa del lavoro, presentato in anteprima in concorso al Festival di Istanbul ed presentato anche ad altri festival, ha fatto conoscere Eroğlu come un promettente e talentuoso regista. Sempre in tema di giovani ricordiamo pure la presenza come ospite del giovane produttore italiano, Simone Gattoni, che ha prodotto il film documentario ritratto di Silvio Berlusconi S.B. : Lo conoscevo bene. Un doc costituito da testimonianze di amici intimi di Berlusconi e permette al pubblico di intravedere dietro la facciata di questo personaggio pubblico. Gattoni ha prodotto The Silence of Pelesjan sulla riscoperta del regista armeno Artavazd Pelešjan, che è stato presentato al Festival di Karlovy Vary ed ha anche prodotto un breve documentario sul regista italiano Marco Bellocchio per la Mostra di Venezia. L’ultimo suo impegno è la produzione del più recente film di Bellocchio Sangue del mio sangue che è appunto tra le opere selezionate.

Klara_Meliskova_and_Michalina_Olszanska_Ja Olga HepnarovaMa passiamo ai film di produzione ceca ove spicca il nuovo film di Petr Václav We Are Never Alone che è passato di recente alla Berlinale in competizione nella sezione Forum che ha ricevuto il Premio del Pubblico dei lettori del Tagesspiegel. Dramma noir contemporaneo ambientato in un paesino al confine ceco, nel quale Václav sviluppa i temi dei suoi film precedenti, con l’aiuto di attori come Karel Roden, Lenka Vlasáková e Klaudia Dudová interpreti del suo film di successo The Way Out. In totale sono stati selezionati dieci film a produzione e/o regia Ceca: oltre a We Are Never Alone e Menandros & Thaïs, sono stati scelti I, Olga Hepnarová, che è stato pure presentato alla Berlinale, Eva Nová, Siska Deluxe, Murderous Tales, Honey Night, Dust of the Ground, The Red Spider and Road-Movie. Una ricca produzione che dimostra la vitalità dell’industria cinematografica post comunista.

Anche quest’anno, Febiofest e la Zecca della Repubblica Ceca onoreranno con una medaglia commemorativa un’altra star del Cinema: il leggendario attore ceco Rudolf Hrusínský. La medaglia commemorativa dello scorso anno è stato coniata in onore di Karel Fiala, la star di Pametni mince Rudolf HrusinkyLemonade Joe. I primi due esemplari della medaglia saranno consegnati ai figli di Rudolf Hrusínský, Rudolf e Jan. Gli appassionati di cinema avranno la possibilità di acquistare le medaglie commemorative presso lo stand della Zecca. La medaglia è stata ispirata dalla ricca carriera di attore di Hrušínský. Il rovescio della moneta raffigura una serie di miniature dei ruoli cinematografici interpretati da Hrušínský create dall’artista Martin Dašek. La striscia di pellicola è illuminata da un proiettore d’epoca come ha detto Lukáš Jokl della Zecca. Quest’anno, il pubblico del Febiofest potrà sceglere e votare il personaggio da omaggiare il prossimo anno. Tra i candidati Oldřich Nový e Vladimír Menšík. Dopo il 25 marzo il Festival si sposterà con un viaggio itinerante per le principali città della Repubblica Ceca concludendosi a Brno il 20 aprile.

Wajda 01 hiresIn concomitanza del Festival – Febiofest e l’Istituto Polacco di Praga hanno realizzato una mostra sul Maestro Andrzej Wajda: nel foyer al 2 ° piano del Centro Cinestar Anděl. La mostra sarà aperta da Bogna Dziechciaruk-Maj, Direttore del Manggha Museo giapponese di Arte e Tecnologia di Cracovia, che ha fornito anche i disegni. Andrzej Wajda è il decano del cinema polacco che in marzo festeggerà il suo 90 ° compleanno. Molte opere di Wajda (non solo limitati al cinema), saranno proposti attraverso una mostra di riproduzioni dei suoi disegni ed esposti al pubblico durante l’intera esecuzione del festival. La mostra sarà aperta fino al 25 marzo 2016. Per maggiori info : www.febiofest.cz/en

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...