Il KVFF si conclude con il Crystal Globe all’ungherese Szabolcs Hajdu

Roberto Andò viene premiato dalla Giuria Ecumenicale

 

 

CHIUSURA_1(luigi noera) (river flash) (Foto per gentile concessione del Karlovy Vary FilmFestival) La Giuria della Selezione Ufficiale, composta da Maurizio Braucci – scrittore, Eve Gabereau – Cofondatrice e amministratore delegato di Soda Pictures, Martha Issová – attrice ceca di teatro e cinema, George Ovashvili – regista georgiano, Jay Van Hoy – produttore americano, ha assegnato il Crystal Globe del 51esimo Karlovy Vary International Film Festival per il miglior lungometraggio e il premio di 25 mila dollari al lungometraggio ungherese It’s Not the Time of My Life, girato dal regista Szabolcs Hajdu a casa sua con protagonisti i membri della sua famiglia e i suoi amici. Hajdu è stato insignito CHIUSURA_2anche con il premio come miglior attore per il suo dramma familiare.

Il premio speciale della giuria è andato a una storia d’amore insolita Zoology del regista russo Ivan Tverdovskiy, storia di una donna alla quale è cresciuta la coda. Mentre il regista sloveno Damjan Kozole ha ricevuto il premio come miglior regista alla cerimonia d’onore per il suo dramma sulla paura Nightlife. Entrambi i film coproduzioni ceche inclusi nel concorso sono stati premiati. Zuzana Mauréry ha ricevuto il premio come miglior attrice per il film The Teacher di Jan Hřebejk e l’ultimo film del compianto Jan Němec, The Wolf from Royal Vineyard Street, ha ricevuto la menzione Speciale. Una menzione speciale è stata assegnata al dramma rumeno-svedese By the Rails.

La Giuria della sezione East of the West, composta da Carmen Gray – critica cinematografica e giornalista, Tolga Karaçelik – regista turca e sceneggiatrice, Mikuláš Novotný – produttore ceco, Agnieszka Smoczynska – regista polacca, Yoshi Yatabe – organizzatore di festival giapponesi, ha assegnato il premio per il miglior film ad un film opera prima House of Others quasi-autobiografico del regista georgiano Rusudan Glurjidze. Il premio speciale della giuria è andato al lungometraggio estone The Days That Confused di Triin Ruumet.

La Giuria dei Documentari, costituita da Sigrid Jonsson Dyekjær – produttore danese, Hana Kulhánková – esperta di cinema dirige il più grande doc fest diritti umani nel mondo, Laurent Becue-Renard – regista e produttore francese, ha assegnato il premio per il miglior film documentario ad un saggio americano sull’amore LoveTrue del regista Alma Har’el. Una menzione speciale è stato assegnato al documentario Ama-San del regista portoghese Cláudia Varejão, sui pescatori di perle tradizionali giapponesi. Il film americano Capitano Fantastic ha ricevuto il premio del pubblico Právo e sarà proiettato nella Repubblica Ceca a partire dalla settimana prossima, anche grazie al KVIFF.

L’attrice ceca Jiřina Bohdalová e lo sceneggiatore e regista americano Charlie Kaufman sono stati premiati con il premio del Presidente del Festival durante la cerimonia di chiusura. La nota attrice ha ringraziato il Presidente del Festival, Jiří Bartoška, così come i registi “che hanno avuto il coraggio di lanciare me in ruli inaspettati”. Il Premio del Presidente del Festival è stata concesso anche allo sceneggiatore e regista americano, vincitore di un Academy Award, Charlie Kaufman. Il regista ha ringraziato in ceco: “Dobrý večer, ahoj. Je a pro mě Velká CEST, dostat tuto cenu un být na tomto festivalu. Doufám, že mi rozumíte. vám děkuji. CAU (“Buona sera, Ciao. Sono molto onorato di essere stato concesso questo premio e di partecipare a questo festival. Spero che tu mi capisci. Grazie. Ciao”).

I premi minori erano stati annunciati nel pomeriggio di sabato.

La Giuria FIPRESCI costituita da Mihai Chirilov, Ohad Landesman, Demetrios Matheou, Martina Vacková e Clementine Van Wijngaarden ha assegnato il premio della critica internazionale al film Original Bliss del regista tedesco Sven Taddicken con la seguente motivazione: “Un film distintivo, audace e provocatorio, inquietante ma allo stesso tempo romantico; non cessa di sorprendere l’ambizione tematica ed artistica del regista che si sposa con la gaia narrativa, e sostenuto da una performance eccezionale dei tre attori principali “.

Anche la Giuria dell’Europa Cinemas Label, costituita da Jörg Jacob, Aiga Millere, Theodora Olivi e Samo Senicar ha assegnato a Original Bliss il premio per il miglior film europeo in concorso o East of the West con la seguente motivazione: “Sven Taddicken racconta una storia comprensibile, che sicuramente raggiungere un pubblico più ampio e che ci ha fatto desiderare di vederlo di nuovo. Original Bliss è un’esplorazione audace di fede, dipendenze devianti e le violenze raccontate attraverso l’incontro tra Helen e Eduard; ma soprattutto è una storia di accettazione e di ritrovata libertà raggiunta attraverso la fiducia e la comprensione reciproca. Incredibili performance, il dialogo vivace, e l’umorismo arguto lo rendono altamente degno destinatario del premio Label Europa Cinemas di quest’anno “.

Il premio della giuria ecumenica, costituita da Susanne Charlotte Knudstorp, Maria José Martinez, Joel Ruml e LE_CONFESSIONIStanislav Zeman, va al film italiano-francese Le confessioni di Roberto Andò con la seguente motivazione: “Un film con simbologia ben bilanciato e l’estetica pulita rifle sul silenzio, il tempo e la vulnerabilità umana, nonché sulla possibilità di redenzione, si chiama fuori per la rottura di distanza dal cinismo pragmatico di potenti decisori al contrario di coscienza e tornare a principi essenziali del cristianesimo”.

Infine la Giuria FEDEORA costituita da Dubravka Lakić, Ninos Feneck Mikelides e Michael Ranze, ha assegnato ilpremio della Federazione dei Film Critics d’Europa e del Mediterraneo per il miglior film da est della parte ovest della concorrenza appartiene al film russo Collector, diretto da Alexei Krasovskiy con la seguente motivazione: “Nella sua sceneggiatura compatta, piena di osservazioni meticolose, il regista delinea la traiettoria di un personaggio spietato, sfruttando al meglio, il concetto di una singola posizione, e lentamente ma inesorabilmente creare un’atmosfera di suspense senza sosta, e suscitando una grande prestazione dell’attore protagonista, Konstantin Jur’evič Chabenskij, “.

E’ stata inoltre annunciato che il prossimo, KVIFF 52 si terrà dal 30 giugno 2017 all’8 luglio al 2017.

NDR: una nota di colore ha visto al gran finale protagonista il pubblico di “filmaroli”, così definiti in slang ceco, il quale, preso dall’euforia e dai fiumi di birra che sono stati consumati, ha letteralmente distrutto le suppellettili del Palazzo del Cinema di Karlovy Vary. La notizia ripresa dalle Tv locali non ha varcato i confini della Repubblica Ceca.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...