Locarno: “Late shift”, quando il cinema è interattivo – Rai News

18 agosto 2016Nel Festival di Locarno, nella sezione “Panorama Suisse”, è stato presentato uno dei primi film interattivi per il grande schermo (e non solo). Si tratta di “Late Shift”, coproduzione anglo-svizzera, per la regia di Tobias Weber, interpretato da Joe Sowerbutts e Haruka Abe.Ma come funziona? Prima della proiezione si deve scaricare un’app gratuita. Lo spettatore è chiamato a decidere per il protagonista: sui due schermi, quello grande e quello piccolo che si ha in mano, appaiono alcuni riquadri con le possibilità (due o più). Gli spettatori fanno la loro scelta premendo l’opzione preferita (l’operazione va fatta rapidamente) e la storia continua in base alla volontà espressa dalla maggioranza del pubblico.La vicenda è quella del giovane Matt, uno studente con molto talento, che deve dimostrare la sua innocenza dopo esser stato costretto a partecipare a un’audace rapina ai danni di una famosa casa d’aste di Londra. Per sfuggire all’intrigo in cui si trova intrappolato, affronta un avventuroso viaggio nella notte. Come deciderà di agire il pubblico in sala? Il regista ha girato sette finali diversi. Gli spettatori, grazie ai loro smartphone, prendono decisioni per conto del protagonista mentre il film continua a scorrere senza soluzione di continuità.Un occhio tra passato e futuroA metà degli anni Cinquanta, si toccò in Italia il record storico di biglietti venduti al cinema in un anno, oltre 800 milioni. Oggi si raggiunge a stento quota 100. I numeri del passato sono irripetibili, ma la tendenza sembra indicare negli spettatori che vanno in sala quasi una razza in via di estinzione. Dalla pirateria ai computer, dal cinema in casa ai tablet, altri mezzi di fruizione lanciano una sfida forse mortale al rito di andare al cinema, anche come evento sociale. Il film interattivo potrà invertire la tendenza?

Sorgente: Locarno: “Late shift”, quando il cinema è interattivo – Rai News

Annunci