Xavier Dolan: “A Cannes, troppi critici-troll” – Cinema – Spettacoli – Repubblica.it

Il prossimo film di Xavier Dolan non sarà al festival di Cannes. E stupisce, visto che il regista canadese è uno dei pupilli della rassegna francese. Ufficialmente, sul suo profilo Instagram, Dolan spiega che Life of John F. Donovan non sarà pronto in tempo “perchè girerò fino al prossimo giugno”. Ma poi aggiunge riflessioni indicative della causa della scelta.Sorpresa Xavier, è il più giovane della Mostra.
Sostanzialmente vorrebbe evitare Cannes dopo quelli che considera attacchi personali mascherati da recensioni che hanno colpito il suo E’ solo la fine del mondo, all’ultima edizione, da cui poi è uscito vincitore del Gran Premio della giuria. Dolan scrive che “la cultura del trolling, il bullismo e l’odio ingiustificato non dovrebbe essere una parte inestricabile di un’avventura cinematografia o analitica”. xavier-dolan2
Poiché – ragiona Dolan – sembra che si viva in un’epoca in cui ci sono critici incapaci di scindere il pensiero di un film da quello dell’autore, è diritto di ognuno scegliere traiettorie diverse per il suo lavoro. Io peferisco concentrarmi sulla creazione, più che sulle reazioni”. L’autore ha portato cinque dei suoi sei film precedenti a Cannes per l’anteprima mondiale. Ribadisce: “Sono e sarò sempre grato al Cannes e nessuna critica anche feroce potrebbe farmi desistere da portare al Festival un mio film”. Il prossimo è pieno di attori famosi: Kit Harington, Natalie Portman, Jessica Chastain. The life and death of John F. Donovan è interpretato da star anglosassoni. Racconta di John F. Donovan, attore immaginario famoso per il ruolo di super eroe (Harington), subisce uno stravolgimento della carriera quando la sua corrispondenza privata con un fan di soli undici anni viene resa pubblica e fatta apparire indecente da una spietata giornalista di gossip. The death an life of John F. Donovan potrebbe debuttare alla Mostra di Venezia, che nel 2013 ha ospitato l’anteprima mondiale di Tom à la ferme.

Sorgente: Xavier Dolan: “A Cannes, troppi critici-troll” – Cinema – Spettacoli – Repubblica.it

Annunci