“Ella & John” (Usa 2017) di Paolo Virzì

“The leisure seeker”

 

(valter chiappa) (riverflash) Il cinema di Paolo Virzì è fatto di scrittura e di contesto. Storie emotivamente coinvolgenti e acute analisi delle società, personaggi scolpiti a tutto tondo, in stretta relazione con un affresco che è parte inscindibile dell’opera. Vuoi che sia la Livorno operaia o la Roma delle periferie, la Brianza del cinico affarismo o l’Italia dei call center. Cosa rimane alla scrittura quando il contesto, non più noto, sparisce? È il problema che deve essersi posto Paolo Virzì sbarcando per la prima volta in America. La risposta trovata: annullarlo. Il road movie è la soluzione più semplice per conciliare tutte le esigenze. Sullo sfondo la strada, il tipico non-luogo, in primo piano i sentimenti, l’elemento della poetica di Virzì che sopravvive quando il resto viene Donald sfrondato; in più un genere sempre caro ai cinefili americani.
Due anziani decidono di partire per l’ultimo viaggio sul camper che li ha condotti nei loro giorni più lieti, “The leisure seeker” (“cercatore di svago”). Ella e John sono gravemente malati. Lui, brillante professore cultore di Hemingway, sta perdendo la memoria; lei, che regola la sua vita, ha un male che la consuma e le sottrae le energie. “The leisure seeker” li aiuterà ancora una volta ad evadere, stavolta da un futuro oscuro, accompagnandoli in un viaggio che ripercorrerà le tappe della loro vita insieme.ella-e-john 2.jpg
Una trama semplice, un filo sottilissimo. Virzì si arma di una squadra eccezionale. Al suo fianco fidati sceneggiatori: lo scrittore Stephen Amidon, gancio per l’America, Francesco Piccolo (entrambi con lui in “Il capitale umano”) e Francesca Archibugi, che in “La pazza gioia” aveva dato la sua pennellata di sentimento. Ma soprattutto loro, i fantastici protagonisti, i premi Oscar Helen Mirren e Donald Sutherland. Grazie a loro quell’esile filo non si spezza. Una trama che poteva facilmente evolvere verso il melenso rimane nei binari di una delicata tenerezza, grazie a felici invenzioni, come la proiezione di vecchie diapositive. Ma è principalmente l’eccezionale interpretazione delle due star a sostenere il film. Sbalordiscono la capacità di Sutherland di variare i registri, rendendo estremamente naturale l’ondivagare della mente di John e la personalità con cui Mirren tratteggia la forza d’animo di Elle, così come l’irrisoria facilità con cui i due attori maneggiano i loro strumenti.
Eppure complessivamente il film sconta l’apparente intenzione di Virzì di semplificarsi la vita. Tutto è prevedibile in questa sua ultima fatica: il genere, la storia di facile presa, persino la colonna sonora, che ripropone classici scontati, da Carole King a Janis Joplin. E gli sceneggiatori, pur bravi, arrancano per riempire i 112 minuti della pellicola, inserendo episodi talora gratuiti o incappando, come nel finale, in qualche caduta nel patetico.
Entrare nello star system americano è un passo importante, non solo per Paolo Virzì, ma anche per il cinema italiano. Giusto dosare le scelte, ma forse bisognava osare di più. Senza uno schema, affidarsi alla forza della squadra alla fine non paga. Così è facile, troppo facile.
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...