Apri l’immagine per vedere l’attrice e cantante Björk!

La grande cantante e attrice Björk si esibisce in un premiatissimo docu-musical, che è in realtà aderente al genere melodramatico.


Dal suo punto di vista, Björk ha fatto bene ad accettare la proposta di Lars Von Trier e divemtare la protagonista di Dancer in the dark. Il film danese del 2000 ha conquistato l’ammirazione e la commozione di una buona parte del pubblico. Il film, girato dal regista danese secondo i canoni del manifesto di Dogma 95 e quindi con l’attenzione a seguire le regole imposte dal gruppo di cui fa parte, ha vinto il primo premio al Festival di Cannes. Per Björk c’è stato il riconoscimento conferito dal premio quale migliore attrice. Su quest’ultimo siamo d’accordo. Abbiamo invece qualche perplessità sul primo premio al film. In realtà non tragga in inganno la data: il 2000 non significa che il film apre il nuovo cinema del millennio. Perchè, secondo me, è un film più degli anni ’90, che del cinema innovativo del millennio. Degli anni ’90 ha le malinconiche e le cupe atmosfere, che la musicalità non riesce ad attenuare. E’ un viaggio nella profondità delle miserie umane. E a guidare tale viaggio è proprio lui, il Destino, così presente in tanto cinema pessimista di fine secolo.
La foto, tratta dal film. ritrae la bravissima Björk consolata da Catherine Deneuve.