Apri la foto e vedi le immagini di due grandi latino-americani: Miguel Littin e Garcia Marquez

In grande regista cileno e il premio Nobel per la letteratura

C’è un saldo legame tra questi due personaggi. Miguel Littin fu esiliato dal suo Paese durante la dittatura di Pinochet ed ebbe il coraggio di ritornare clandestinamente in Cile per filmare le condizioni del suo Paese durante la dittatura. La sua avventura ha qualcosa di rocambolesco, a partire dal suo travestimento (si era spacciato per uomo di affari uruguaiano). Girò il suo materiale cinematografico per 6 settimane, con l’ausilio di tre troupe cinematografiche europee e di sei piccole troupe mobili cilene. Riuscì ad uscire dal Paese in tempo proprio mentre, ormai scoperto,  le maglie del regime stavano per braccarlo.
Al suo rietro raccontò la sua avventura al suo amico Gabriel Garcia Marquez, che era in esilio in Spagna. Marqez rimase affascinato dal racconto avventurososo di Littin e decise di farne un romanzo, dove le avventure de regista vennero descritte in prima persona. Il titolo:
Le avventure di Miguel Littin, clandestino in Cile.”
Per saperne di più: Littin – Marquez