Variety su Stephen King e su “Lisey’s Story”

Una conversazione telefonica alla vigilia delle otto puntate tratte dal romanzo del celebre scrittore.

(marino demata) Lisey’s story è un romanzo di Stephen King del 2006, incentrato sul personaggio della vedova di un autore di moltissimi libri (proprio come King!). La vedova si trova nella spiacevole necessità di utilizzare i ricordi della sua storia d’amore col marito, compresi i luoghi del tutto particolari del loro amore, al fine di procurarsi i mezzi per curare sua sorella. Questa è affetta da una malattia mentale che si manifesta attraverso un perenne stato di catatonia.

Conversazione telefonica tra King e Variety.

Questi particolari sul romanzo vengono riferiti in una conversazione telefonica che il grande autore ha con la rivista Variety. In essa King  rivela di aver scritto per la prima volta quella storia dopo essere stato investito da un furgone nel 1999. Da quel momento, lo scrittore riferisce che è stato costretto dire numerose volte NO ad ogni proposta di adattamento del romanzo. L’unico regista che King ha trovato convincente nell’intraprendere l’impresa è stato il cileno Pablo Larrain. E, finalmente, col pieno consenso dello scrittore,  Lisey’s Story diventa una serie di otto episodi.

Dal romanzo al film.

Nella stessa conversazione King confida a Variety che la lunghezza della storia, raccontata nel suo romanzo, non è stata più un ostacolo, di fronte alla prospettiva di uno streaming in otto episodi.  In tal modo è stato possibile fra rivivere molte sfumature del romanzo e adattarlo pienamente a ciò che sarebbe stato filmato. Anche nel senso di eliminare alcuni aspetti quantitativi che avrebbero potuto appesantire il tutto. In primo luogo, ha ridotto il numero delle sorelle della protagonista (Julianne Moore), il carattere della quale è stato reso più articolato e sfaccettato. Le è stato “aggiungo”, per così dire, il senso dell’umorismo, che accompagna il suo forte temperamento.

Pablo Larrain

Il marito, Scott (Clive Owen) gli offre l’occasione per descrivere visivamente Boo’ya Moon, un luogo magico dove lui e il fratello si rifugiavano per curarsi dalle ferite inflitte dal padre, con la sua violenza. Scott amava portare lì Lisey, per mostrarle alcune aree particolari ove era possibile una più rapida guarigione. Alla fine, anche Lisey aveva imparato a frequentare quei luoghi. Per filmare i quali, rivela King a Variety, sono stati utilizzati luoghi realmente esistenti  e non artificialmente creati.
E a proposito di Larrain, questi – dice King a Variety – ha trovato reale collegamento tra la storia di Lisey e quella di Jacqueline Kennedy Onassis, della quale aveva descritto lo status doloroso di vedova nel film del 2016 Jackie.

In attesa degli otto episodi

Questa conversazione telefonica è stata molto importante per chiarire alcuni aspetti della storia che sarà narrata da Larrain in otto episodi, per comprenderne la sua genesi, e alcuni particolari essenziali. Non ci resta che attendere, assieme alle migliaia di fan di Stephen King, che la curiosità e la passione vengano pienamente soddisfatte. Da rimarcare il cast veramente di rilievo di Lisey’s story, che comprende, oltre a Julianne Moore e Clive Owen, anche Joan Allen, Jennifer Jason Leigh, Dane DeHaan.

Webite: https://tommasolagi.it