“Una morte di troppo” (Fr. 1985) di Claude Chabrol. Chabrol-Lavardin accoppiata vincente. Il primo film col famoso ispettore interpretato da Jean Poiret. Appare molto hitchcockiano l’accumulo di eventi, sopraffazioni e delitti, da parte della società di malaffare creatasi in Paese, prima che compaia appunto l’ispettore Lavardin.

Anna (AmyAdams) non può muoversi di casa. È affetta da agorafobia, che le impedisce anche di scendere le scale e aprire la porta. Certo non mancano le occasioni per spargere adrenalina a piene mani. Proprio di fronte alla finestra di Anna si svolge un trasloco. Arriva una nuova famiglia…

“Sciarada” (Usa 1963) di Stanley Donen.
“Il miglior film di Alfred Hitchcock, che lui non ha mai diretto”. Peccato!

Dopo Jules et Jim, un capitolo meno efficace del l’”amour fou” (marino demata)  Il titolo italiano di questo […]

Un saliscendi di emozioni e di suspence in un thriller domestico senza esclusione di colpi (marino demata) David […]

Il più bel libro sul cinema mai scritto. Un’intervista appassionata (marino demata) “Il cinema secondo Hitchcock” di Francois […]

Un mezzo passo falso? (marino demata) Capita a volte che la vita felice di una coppia, o di […]

Un noir targato Nouvelle Vague   (marino demata) Il cinema francese, così come quello americano, ha una ampia […]

Un thriller alla maniera di Hitchcock (marino demata) L’acclamato regista coreano Park Chan-wook viene prescelto da una produzione […]

Il regista cult al festival per una retrospettiva dei suoi film e per presentare il suo ultimo lavoro […]