Rivive nella Berlino di oggi il mito di “Undine” (Ger. 2020) di Christian Petzold. Non è una qualsiasi “undine”, perché Petzold le ha dato il carattere fermo che hanno in genere i suoi personaggi femminili. La sua Undine sfida il destino e non intende tornare tra le acque.

Con scena in versione italiana (marino demata) Il sacrificio è l’ultimo film di Andrei Tarkovsky, prima della sua […]

Sabato 30 luglio al Giardino del Cenacolo in via san Salvi – Firenze (marino demata) La storia della […]