La condizione della donna: “Nove mesi” (Ung. 1976) di Marta Meszaros. è un film che tratta nella maniera più diretta , il tema della oppressione a cui sono sottoposte le donne, in conseguenza della disparità di trattamento, per mancanza di leggi ad hoc e per il persistere di una cultura decisamente maschilista.

“Don’t cry, pretty girls” è una full immersion nella musica rock ungherese.
C’è una decisa contraddizione tra l’emancipazione musicale e anche di vita associata che caratterizza l’universo giovanile, e le usanze arretrate di una società ancora maledettamente conservatrice.

In sei minuti un itinerario nel dramma e nel mistero (marino demata) Capita spesso che un film corto […]

Una donna sulla via della vendetta   (marino demata) Il festival di Berlino del 2009, la 59° edizione […]

(valter chiappa)(AG.R.F. 29/02/2016)(riverflash) Si poteva dire ancora qualcosa sulla Shoah? Sì, se tralasciata ogni consequenzialità propria di un […]